Guide e Consigli, Maxischermi

Maxischermi in concessione e franchising: pro e contro

Maxischermi in concessione e franchising: pro e contro

In Italia i maxischermi in concessione (franchising) sono diventati abbastanza popolari agli inizi del 2000, dove venivano proposti come una forma di “noleggio a lungo termine”, che permetteva di testare il modello di business per pochi mesi e con una quantità relativamente limitata di capitale iniziale. Ad oggi il franchising nei maxischermi viene sempre meno utilizzato e vengono preferite altre formule. Ma facciamo un passo indietro: che cos’è il franchising e quali sono i vantaggi?

Vantaggi del Franchising

Il franchising è un modello di business che permette di aprire un’attività in proprio avvalendosi del know-how di un’altra azienda. Ci sono diversi vantaggi ben noti nella formula del franchising (quando viene ben organizzata dal franchisor):

  • Modello di Business Testato: aprire un tuo franchising significa aprire una attività in proprio che però è stata già testata (si spera con successo) da molti altri imprenditori e che quindi non riserva sorprese.
  • Costi Contenuti: il franchising ti permette di avere costi di avviamento contenuti, potendo sfruttare ad esempio la notorietà del marchio senza dover investire in pubblicità. Grazie al supporto della casa madre, ti permette inoltre di evitare tutti i costosissimi errori commessi da chi apre una nuova attività e che spesso sono la causa del fallimento a pochi mesi dall’apertura.
  • Soluzioni Chiavi in Mano: poiché stai aprendo un business già testato e dove tutti i dettagli sono già stati studiati, la nuova attività ti viene consegnata “chiavi in mano” cioè (ad esempio) con l’arredamento già definito, moduli e contratti già redatti etc.
  • Formazione Continua: le grandi aziende ti forniscono una formazione adeguata sia sulle pratiche gestionali dell’attività, che sulle tecniche di vendita – mentre la promozione e il marketing sono solitamente gestiti dalla casa madre. Nei franchising di successo, la formazione inizia ancora prima che tu apra l’attività vera e propria e continua ad intervalli regolari (es. due volte l’anno) per tutta la durata della tua attività.

Insomma sembra l’attività perfetta. Perché allora non esistono esclusivamente franchising, non solo nel settore degli schermi pubblicitari, ma in qualsiasi settore? Perché purtroppo l’attuazione pratica del franchising può nascondere molti gravi inconvenienti.

Svantaggi del Franchising

  • Mancanza di Supporto: la maggior parte delle grandi aziende di franchising (come McDonalds® per esempio), offrono training approfonditi sulle procedure, molto supporto nella fase di avviamento e accesso illimitato alle risorse messe a disposizione dall’azienda madre.

    Ma le aziende più piccole potrebbero non essere così preparate e professionali in questo senso, essendo più interessate alla vendita del franchising piuttosto che sul successo del’affiliato (cioè del franchisee / imprenditore).

  • Settori a Bassa Standardizzazione: il franchising si applica con maggior successo in settori che hanno un alto livello di standardizzazione, per i quali può quindi esistere una “formula” per il successo. Riprendendo l’esempio della catena McDonalds®, la popolarità di questo franchising dipende dalla ripetitività della preparazione del cibo e dalla standardizzazione delle procedure di cottura.
    In settori a bassa standardizzazione invece, questa formula semplicemente non può esistere e pertanto non ci può essere garanzia di successo (indipendentemente da cosa dice chi vuole venderti il franchising). I settori a bassa standardizzazione sono quelli dove è più importante la componente umana, come ad esempio quelli in cui vengono richiesti servizi personalizzati per il cliente finale e dove quindi la preparazione di un venditore e la disponibilità dell’azienda fanno tutta la differenza. Come nel settore pubblicitario, per esempio.
  • Promesse di un Falso Potenziale: con i maxischermi in concessione (franchising) ti viene spesso proposta l’idea che entrando nel franchising, puoi entrare a far parte di un network nazionale di schermi a LED, dove puoi condividere i tuoi spazi pubblicitari disponibili con gli altri imprenditori del network e quindi guadagnare sulle vendite fatte da altri.
    Sfortunatamente però i maxischermi sono un business prettamente locale, che ha come target gli inserzionisti entro un raggio di 10/15 km (al massimo) dal luogo dell’installazione del maxischermo (che sia in concessione/franchising oppure no).
    Infatti i clienti che pagano per far passare la loro pubblicità su un maxischermo sono tipicamente ristoranti, aziende immobiliari, concessionarie d’automobili, ferramente etc. Quindi è molto improbabile se non impossibile, che un inserzionista tipico voglia fare la sua pubblicità su un maxischermo posizionato a 200 Km di distanza.
  • Non È un Vero Business: i franchising a basso costo sono spesso un rischio. Il Dott. Abel E. Malcolm dell’American Business Law Journal dichiara: “la maggior parte degli abusi si verificano nelle operazioni di franchising minori, quelli che vengono venduti a meno di 100.000 dollari (cioè circa 70.000 euro)”. Leggi qui l’intero articolo del Dott. Malcom (in inglese): http://www.allbusiness.com/legal/618192-1.html
    Il fatto che un’azienda madre (franchisor) proponga un franchising, non significa che l’affiliato avrà successo. In alcuni casi, il franchising è l’unico vero business, dove l’azienda madre è interessata solo a vendere a quanti più Clienti possibili e il fatto che l’affiliato abbia successo o no, è totalmente irrilevante.
  • Promesse Irrealistiche di Profitti Senza Sforzo: durante la negoziazione con un potenziale Cliente, è una pratica diffusa tra i franchisor di effettuare una stima degli utili della futura attività. In alcuni casi però, queste prospettive sono del tutto irrealistiche perché promettono utili con soli sei o sette Clienti.
    In realtà, chiunque abbia un minimo di esperienza del settore dei tabelloni a LED ti dirà che per avere successo in questo settore servono almeno 20/25 clienti paganti in modo da poter ripagare il costo dello schermo e avere un ritorno sul capitale investito.
  • Nessuna Tutela dal Governo: nella maggior parte dei paesi Europei (e l’Italia non fa eccezione) non esiste una regolamentazione efficace per il franchising. Nella maggior parte dei casi, le leggi che regolano questo sistema non richiedono l’obbligo di comunicare i fattori di rischio dell’investimento prima che il franchising sia venduto al pubblico.
    Sfortunatamente, molti affiliati di franchising hanno delle aspettative irrealistiche sul fatto di essere tutelati dalla legge contro sistemi di franchising male organizzati. Infatti nella maggior parte dei casi, una volta firmato il contratto non si è tutelati legalmente in alcun modo.

Il Franchising in Generale

Per riassumere, la grande maggioranza dei franchising sono creati da imprese oneste che vogliono davvero sviluppare un modello d’affari di successo, ma come in ogni altro settore ci sono anche persone che sono solo alla ricerca di un modo semplice per fare soldi.

E’ cosi che nascono i “franchising” che sembrano ottimi investimenti ma che non hanno alcuna sostanza, né supporto o formazione di alcun tipo. Il target di questo tipo di attività sono solitamente persone inesperte che sono così disposte a credere alle promesse di profitti facili e veloci, che non riescono a fare una corretta valutazione dell’attività che stanno sottoscrivendo.

Come Acquistare un Maxischermo in Concessione / Franchising

Se davvero vuoi avere il tuo ledwall in concessione (franchising), il mio consiglio è di contattare uno degli affiliati che è già parte del network e di indagare per cercare di capire se sarebbe interessato alla cessione della propria attività. Infatti è molto meglio comprare un franchising già usato e testato, in quanto è possibile vedere i bilanci annuali dell’attività per capire se ci sono realmente dei profitti e a quanto ammontano.

Una volta stabiliti i primi contatti, accenna il tuo interesse all’acquisto dell’attività e valuta attentamente la reazione dell’affiliato: se davvero sta facendo utili con la sua attività, non dovrebbe essere interessato a vendere la sua attività a meno che tu non gli faccia un’offerta molto alta.

Se invece a seguito del tuo interesse l’affiliato si dimostra immediatamente interessato e disponibile a venderti la sua attività (magari a meno del prezzo di quanto tu potresti acquistarlo dall’azienda madre) allora questo potrebbe essere un segnale che l’attività non sta andando molto bene e che non vede l’ora di lasciare tutto.

Maxischermi in Concessione e Franchising: Raccontaci la Tua Storia

Direi che per oggi è tutto, ma se anche tu hai provato la formula del maxischermo in concessione (franchising), raccontami la tua esperienza (bella o brutta) e condividila con i nostri lettori compilando la sezione dei commenti più in basso. Aspettiamo di conoscere le vostre esperienze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *